CARATTERISTICHE

COLLE DEL LYS – 1.311 metri : versante da ALMESE – VAL DI SUSA
Quota di partenza: m. 354
Quota di arrivo: m. 1.311
Lunghezza: km. 13.7
Dislivello: m. 957
Pendenza media: 7%
Pendenza massima: 12%

DESCRIZIONE ITINERARIO

Ciao a tutti, amici  e amanti delle grandi salite!
Voglio portarvi a scoprire una salita di montagna scalata per ben tre volte negli ultimi Giri d’Italia 2018/2019, due volte dai professionisti uomini e 1 volta dalle professioniste donne. E’ stata affrontata da entrambi i versanti, quello che sale dalla Val di Viù e quello che sale dalla Val di Susa.
Senza dubbio il più famoso ed il più impegnativo è quello che passa per la Valle di Susa e parte dalla città di Almese, antica città romana.
Arrivando dalla Valle di Susa ci dirigiamo verso l’abitato di Almese percorrendo la strada SP197 e la salita inizia subito impegnativa appena passato l’incrocio semaforico del paese. E’ bene arrivarci con la gambe già “calde” perché la pendenza media è del 7,3% per 3 km ma i primi 500m sono intorno a 10%, dopodiché la strada sale abbastanza regolare curva dopo curva. Superiamo la frazione Malatrait , dopo un tornante a sinistra e un piccolo strappo finalmente un po’ di respiro perché la strada spiana,pendenza media al 3% per 1,5 km, asfalto perfetto e possiamo recuperare la prima fatica! Ora entriamo nell’abitato di Rubiana e fin da subito inizia un altro breve tratto impegnativo all’ 10% per poi proseguire intorno all’8% fino a poco oltre la borgata Giorda Superiore. Da questo punto in poi la strada si restringe ed il paesaggio cambia, finiscono le abitazioni e la strada entra nel tratto montano vero e proprio, quello più affascinante. Entriamo subito in una fitta boscaglia, 1 km di leggera discesa e poi si riprende a salire,il susseguirsi di curve e contro curve ci agevola non poco la pedalata nonostante la pendenza, mancano ancora 6 km allo scollinamento, ma sono i più impegnativi perché da qui in poi, fino in cima al Colle, la pendenza non scenderà mai sotto l’8%, toccando più volte punte dal 10% al 12%. In prossimità di ampie curve di tanto in tanto si aprono scenari sul fondovalle e rapidamente continuiamo a guadagnare quota, oltrepassiamo i bivi delle borgate Favella e Bertassi.  La strada si impenna ancora  assestandosi al 9% di pendenza media, curva a sinistra ed arriviamo  alla borgata  Mompellato. Mancano soltanto gli ultimi 2,5 km,  il più sembra fatto, ma vietato farsi ingannare, sono i più impegnativi perché avremo già nelle gambe oltre di 10 km di salita, conviene non strafare e continuare a salire con passo regolare. Improvvisamente lo scenario davanti ai nostri occhi cambia nuovamente, si diradano i boschi per dar spazio ad ampi prati per poi ritrovarsi improvvisamente attorniati da imponenti conifere. Pedaliamo un lungo tratto di rettilineo in uno splendido scenario di alta montagna, tornante a sinistra e ultimo rettilineo di 500 metri. In lontananza si intravede il Monumento ai Partigiani, ultima fatica e siamo in cima. Eccoci arrivati finalmente al Colle del Lys!
Intorno a noi si apre un fantastico panorama,  a cavallo tra la Bassa Valle di Susa e la Valle di Viù. Ci subito aspetta una bella fontana in pietra con un’ottima acqua fresca di montagna e poi, perché no, un buon ristoro presso una delle caratteristiche trattorie del luogo.
Dopo tanta fatica un meritato premio ce lo possiamo concedere!