Scoprire la Valsusa

scoprire la Val Susa

Scoprire la Valsusa

Le nostre montagne sono dei veri e propri scrigni che contengono un patrimonio inestimabile tutto da scoprire, ma soprattutto adatto al turista che vuole essere sorpreso e ammaliato. La Valle di Susa è una terra amabile, una delle maggiori valli del Piemonte, che combina montagne con paesaggi di fondovalle, con borghi e città accoglienti e piene di fascino. È una valle adatta a tutti e per tutti. Nonostante sia conosciuta come destinazione invernale, la realtà è che la ValSusa, come la chiamiamo in Valle, non è solo neve e montagne, ma tanto altro.

Attraversata dal fiume Dora Riparia, affluente del Po, prende il nome dalla cittadina di Susa, la più estesa della vallata. Avigliana, con il suo famoso Parco Naturale dei Laghi, e Caselette sono i primi comuni che si incontrano entrando in Valle di Susa da est. Proseguendo in direzione ovest si incontrano Almese e Rubiana, alle pendici dell'inconfondibile Musinè, e Sant'Ambrogio di Susa, nel cui territorio di competenza si erge imponente la Sacra di San Michele, che veglia sulla valle da più di mille anni. E poi ancora Caprie, Condove, Vaie, Sant'Antonino di Susa e Villar Focchiardo, prima di arrivare al tratto di valle protetto dal Parco Naturale Orsiera-Rocciavrè, un immenso spartiacque tra Valle di Susa e Val Chisone, caratterizzato da una fauna e una flora incontaminate. Il monte più alto della Valle di Susa però è il Rocciamelone (3.538 m.s.l.m.), considerato il Re delle Alpi, nei pressi del quale sorgono i comuni di Bussoleno, Foresto e Mompantero, a pochi chilometri da Susa, ma anche Venaus e Novalesa, non lontane dall tanto amato Lago del Moncenisio, frequentato ogni anno da escursionisti, bikers e motociclisti di tutta Europa.

Ma ValSusa non significa soltanto natura, bensì storia, arte e cultura: infatti sono innumerevoli le tracce del passato, tra cui spiccano per importanza le grotte scavate e incise dai primi abitanti della valle nei pressi di Foresto e San Giorio di Susa, i resti di architetture di epoca romana, i castelli del Medioevo, basti pensare allo splendido Castello della Contessa Adelaide di Susa, e le abbazie monacali come quella benedettina di Novalesa, senza dimenticare i forti e i bunker nascosti tra le montagne, che hanno vissuto gli eventi bellici del primo Novecento e ne conservano il ricordo.

Da noi le porte sono sempre aperte. Prego, entrate!