Difficile

Forte-Malamot

Forte Malamot

Salendo dalla Bassa Valle di Susa, lungo la Val Cenischia, giungiamo alla diga del Moncenisio. Lasciata l’auto nei parcheggi limitrofi allo sbarramento, iniziamo la nostra escursione che ci porterà a 2900 mt c.a. di quota con la nostra MTB.
La nostra salita, lungo la strada militare ha come traguardo la fortezza del Malamot, edificata dagli Italiani e, in seguito ai trattati di pace, passata in mano francese. Da qui parte una panoramica e tecnica traccia di discesa che ci permetterà di divertirci, passando attraverso le diverse postazioni blindate e sotterranee lungo la montagna, fino al ritorno al punto di partenza.
Gita importante dato che la partenza è a 2000 mt; nella previsione di impegno della giornata vanno considerate la quota, le condizioni di alta montagna ed i repentini cambi di temperatura, ma lo spettacolo è tuttavia garantito.
Escursione dedicata agli amanti della montagna e della storia del secondo conflitto bellico mondiale. Il dislivello di 1000 non va sottovalutato vista la quota di partenza, la discesa alterna tratte panoramiche e semplici con alcuni tratti tecnicamente più impegnativi che impongono anche passaggi con bici a mano.

Caratteristiche

Difficoltà Difficile
Dislivello 989 m
Distanza 21 km
Tempo di percorrenza 4 h

sentiero-505

Sentiero 505

Il sentiero 505 è un percorso mountain bike in Valle di Susa che ha origine dal Colle Bione, sullo spartiacque tra la Valle di Susa e la Valle Sangone, che termina alla Borgata Cresto del comune di Sant Antonino di Susa.
Questo sentiero consente di scendere sul versante Valsusino lungo un percorso che è stato oggetto di una approfondita pulizia e sistemazione per migliorarne la percorribilità da parte delle mountain bike. Nella sua prima tratta è da considerarsi OC, se ne consiglia quindi la percorrenza a persone dotate di adeguata tecnica; nelle restanti tratte invece il percorso scende a un livello BC, sviluppandosi anche su alcune tratte lastricate che in caso di maltempo possono diventare insidiose e mantiene comunque alcuni passaggi OC a cui prestare attenzione.
Il sentiero inizia di fronte alla chiesa del Colle Bione, attraversa e percorre in alcuni punti una strada bianca carrozzabile ed è dunque indispensabile prestare la massima attenzione ad un eventuale traffico veicolare, prosegue poi nel versante ed attraversa la borgata Pian del Roch, dove è OBBLIGATORIO mantenere un comportamento rispettoso dei luoghi e delle persone, moderando a passo d’uomo la velocità per i circa 100 mt necessari ad attraversare la località.
Il tracciato termina poi in borgata Cresto, da cui si può raggiungere il paese con poche centinaia di metri di strada asfaltata.
Infine, vi ricordiamo che il sentiero è aperto ai pedoni pertanto è indispensabile mantenere un comportamento rispettoso degli abitanti, della natura e degli altri fruitori della montagna, il sentiero non è riservato esclusivamente alle bici.
Potete raggiungere il Colle Bione dalla strada sterrata del Colle Braida oppure da Vaie, attraverso la borgata Mura con una salita decisamente impegnativa.

Caratteristiche

Difficoltà Difficile
Dislivello 950 m
Distanza 20 km
Tempo di percorrenza 3 h